ItalianoHrvatskiEnglishFrançaisDeutchEspañolPortuguesePo PolskuSlovakia     

 

Open Day in Inghilterra

Domenica 5 maggio abbiamo festeggiato gli otto anni dell'apertura della casa

La fraternitÓ si chiama "Nostra Signora Regina dei Martiri", perchÚ proprio in questo luogo hanno vissuto in maniera nascosta alcuni sacerdoti durante le persecuzioni contro la Chiesa cattolica negli anni della riforma protestante anglicana ed alcuni di loro sono stati uccisi e sono venerati come martiri.
Nella fraternitÓ vivono una dozzina di ragazzi di diverse nazionalitÓ. Quando siamo arrivati Fratel Jerome ed io Fratel Massimo, giunti dall'Italia, abbiamo trovato una fraternitÓ rivestita a nuovo, pronta ad accoglierci e a far festa. Una fraternitÓ rinfrescata nei muri ma anche nello Spirito grazie ai ragazzi e agli amici fedeli che da anni seguono la ComunitÓ.
Sono arrivati per l'occasione dall'Italia, dalla Germania, dalla Slovacchia anche i genitori dei ragazzi presenti in casa, ed insieme ai genitori dell'Inghilterra abbiamo passato dei ricchi momenti di condivisione e preghiera.
Domenica, giorno della festa, sin dalle prime ore del mattino, la casa si riempiva di amici che arrivavano dall'Inghilterra, dal Galles e dalla Scozia. Il bel tempo, senza la tipica pioggia inglese, ci ha accompagnato permettendoci di festeggiare al meglio la giornata.
Nel pomeriggio abbiamo avuto la visita del Vescovo di Lancaster, S.E.R. Mons. Michael Campbell, il quale ha celebrato la Santa Messa. Ci ha colpito la sua accoglienza e il fatto che abbia fatto parte dell'omelia in lingua italiana. Caro Monsignore, La ringraziamo vivamente per averci dimostrato la sua amicizia. Ringraziamo anche tutti i sacerdoti che sostengono spiritualmente la fraternitÓ.
Eravamo molto felici per la presenza degli amici giunti numerosi, e dei vicini con i quali si sta costruendo una amicizia sempre pi¨ bella e vera. Siamo riconoscenti al Signore per aver sperimentato che anche in questo piccolo Cenacolo inglese lo Spirito Santo soffia e ridona la vita e la gioia a tante vite bisognose di luce e di speranza. Grazie! 
 

Stampa questa paginaStampa questa pagina