ItalianoHrvatskiEnglishFrançaisDeutchEspañolPortuguesePo PolskuSlovakia     

 

La nostra storia

 

Nascita e sviluppi
Il 16 luglio 1983, memoria della Madonna del Carmine, in una casa diroccata e abbandonata messa a disposizione dal Comune sulla collina di Saluzzo (CN), tra rovi e macerie, suor Elvira Petrozzi dà inizio alla Comunità Cenacolo: un luogo di accoglienza che negli anni diventerà fonte di speranza e di rinascita per tanti giovani persi nel mondo delle tenebre, dell’emarginazione, della droga, della solitudine. Madre Elvira inizia pensando di aprire una casa, ma i progetti di Dio si rivelano più ampi: i giovani giungono da ogni parte chiedendo di essere accolti per poter ritrovare il senso della vita, e così le case della Comunità Cenacolo si moltiplicano prima in Italia, quindi in Europa e poi in altre terre: attualmente le fraternità sono 61, presenti in 18 paesi del mondo.
(Italia 21 fraternità; Austria 1; Bosnia Erzegovina 2; Croazia 8; Francia 4; Inghilterra 1; Irlanda 1; Polonia 3; Portogallo 1; Slovenia 1; Slovacchia 1; Spagna 2; Argentina 2; Brasile 5; Messico 1; Perù 2; Stati Uniti 4; Africa-Liberia 1).
Madre Elvira ripete spesso che “… siamo noi i primi testimoni di un miracolo di Dio mai pensato né programmato a tavolino, che ci supera e ci sorprende, di cui per grazia siamo partecipi”.
Nelle fraternità dell’Europa sono accolte migliaia di persone, tra le quali molti giovani, spesso con alle spalle un profondo disagio esistenziale ma con nel cuore il desiderio di ritrovare il vero senso della vita.
In America Latina la Comunità gestisce varie missioni per l’accoglienza dei bambini di strada orfani e abbandonati ed altre in favore dei giovani.
In Africa abbiamo aperto da due anni la nostra prima missione per bambini orfani in Liberia.
Nel corso degli anni si sono uniti a Madre Elvira persone desiderose di collaborare in questo servizio di carità che si dedicano totalmente all’opera: giovani volontari, laici missionari, famiglie, fratelli (tra i quali alcuni sacerdoti) e sorelle consacrate, che condividono nella totale gratuità la loro vita insieme alle persone accolte, in un cammino comune di riscoperta della bellezza della vita e della vera libertà.

Vita Comunitaria
La vita comunitaria alterna momenti di preghiera e di lavoro (“ora et labora”), ed è basata sulla riscoperta dei valori dell’amicizia sincera, dell’impegno personale e del sacrificio, in un clima di rapporti umani semplici, onesti e familiari.
La Comunità desidera non solo essere un luogo di recupero e di assistenza sociale, ma una “scuola di vita”, una “famiglia” dove la persona accolta possa sentirsi “a casa” e ritrovare la propria dignità, la pace nel cuore, la gioia di vivere e il desiderio di amare.
Viviamo, fin dall’inizio, nell’abbandono fiducioso alla Divina Provvidenza che si manifesta attraverso piccoli e grandi gesti di bontà e di generosità di tante persone che credono nella nostra proposta. I giovani e coloro che chiedono aiuto alla Comunità vengono accolti nella totale gratuità.

I passi nella Chiesa
Nella Pentecoste del 1998 la Comunità viene riconosciuta dall’allora Vescovo di Saluzzo S.E.R. Mons. Diego Bona, in Associazione Privata di Fedeli; l’attuale Vescovo di Saluzzo S.E.R. Mons. Giuseppe Guerrini l’8 dicembre 2005 approva in modo definitivo la Comunità Cenacolo in Associazione Pubblica di Fedeli. Dati poi gli sviluppi internazionali dell’opera, la Comunità Cenacolo viene riconosciuta presso il Pontificio Consiglio per i Laici, dicastero della Santa Sede, in Associazione Privata Internazionale di Fedeli con Decreto del 16 luglio 2009.
All’interno dell’Associazione Internazionale è nata successivamente un’Associazione Pubblica di Fedeli diocesana orientata alla vita religiosa femminile, denominata “Suore Missionarie della Risurrezione”.

La “Festa della Vita”
Ogni anno, in ricordo grato al Signore per la nascita della Comunità, si svolge presso la Casa Madre sulla collina di Saluzzo (CN) un meeting internazionale denominato “Festa della Vita”: quattro giornate che alternano momenti di preghiera, testimonianze, catechesi, condivisione, gioia, canti, danze e musical.
Quest’anno festeggeremo, da giovedì 11 a domenica 14 luglio, il 30° anniversario della nascita della Comunità Cenacolo.
Alla “Festa della Vita” partecipano migliaia di persone tra cui: numerosi giovani provenienti dalle nostre realtà sparse nel mondo; le loro famiglie che ritrovano spesso la serenità attraverso un cammino di conversione; tanti amici che nell’incontro con il Cenacolo hanno ricevuto una “scossa” benefica alla loro vita. Sono presenti poi Vescovi e numerosi sacerdoti amici della nostra realtà.
Ogni anno una frase biblica guida le giornate, e quest’anno - siamo nell’Anno della Fede - sarà la Parola evangelica: “Beata colei che ha creduto” (Lc 1,45). Desideriamo in questo momento di memoria grata, ringraziare particolarmente la Vergine Maria, Madre del Cenacolo, perché ci ha accompagnati e sostenuti con la Sua presenza materna in tutti questi anni, ed invocare la Sua protezione e la Sua amicizia sul nostro presente e futuro.


La nostra storia in foto

 

Print this pagePrint this page