ItalianoHrvatskiEnglishFrançaisDeutchEspañolPortuguesePo PolskuSlovakia     

 

Mariagrazia e Gabriele

      

MARIAGRAZIA E GABRIELE

Vogliamo ringraziare Dio Padre per il dono della famiglia. Siamo Gabriele e Mariagrazia, una famiglia della Comunità Cenacolo. Viviamo in una fraternità a Saluzzo. Anche noi a nostro tempo siamo entrati in Comunità per il problema della droga. Eravamo giovani, e tutti e due arrivavamo da famiglie di preghiera, ma il problema della droga è arrivato lo stesso. Grazie a Dio la Comunità è entrata nelle nostre vite. Un giorno, dopo un bel periodo di cammino, ci siamo conosciuti e abbiamo iniziato il fidanzamento. Una bella cosa che ricorderemo sempre e che raccontiamo anche ai nostri figli, è stato quando Gabriele mi ha notata tra tante ragazze: dopo avermi osservata - se servivo, se lavavo i piatti, insomma, in tante semplici cose della vita di tutti giorni - è andato da Suor Elvira a dirle che avrebbe voluto “fare amicizia” con me. Dopo il “Sì” di Suor Elvira è venuto a dichiararsi a me, che oggi sono diventata sua moglie. Dopo quasi un anno, la Comunità ha pensato di metterci insieme in una casa mista a far esperienza come fidanzati. Penso proprio che il fidanzamento che abbiamo vissuto sia stato bello, ricco e pulito come ai tempi della mia bisnonna; il tempo che passavamo insieme era per pregare, condividere e lavorare. Certo, ci desideravamo, però non abbiamo avuto rapporti prematrimoniali perché senza il Sacramento del matrimonio sarebbe stato solo sesso, solo conoscersi nella carne. Tutti questi insegnamenti e valori ce li ha trasmessi Suor Elvira e speriamo che un giorno anche i nostri figli li seguano. Ci sentiamo fortunati ma sopratutto chiamati. Viviamo un periodo ricco di gioia, visto che la famiglia cresce: è sempre bello vivere quest’attesa e questo grande miracolo che è la “vita” che non siamo noi a programmare. Grazie a Madre Elvira impariamo tanto nell`educazione dei bambini, ma soprattutto ogni giorno impariamo che noi genitori dobbiamo essere i primi ad educarci. E` bello per noi vivere in un ambiente dove il primo valore è la preghiera, sia nella nostra famiglia che con gli altri. Vivere nella Provvidenza di Dio è una cosa grande, la viviamo giorno per giorno senza pensare a cosa sarà domani, fidandoci di Lui che vede i nostri bisogni. Impariamo, quando manca qualcosa, anche se piccolo , a rinunciare o diciamo ai bambini: “Chiedi a Gesù, se è veramente una cosa indispensabile poi arriverà”. Ma poi ci accorgiamo che non ci lascia mai, e dico mai, a bocca asciutta, c’è sempre di più. Viviamo in questo grande miracolo che è la Comunità, dove siamo immersi nella Provvidenza di Dio e dove ci sentiamo padre e madre, non solo dei nostri figli ma di tutti quelli che vivono insieme a noi. Preoccuparci degli altri e dei loro bisogni ci fa sentire capaci di amare, amare senza interessi, che è la cosa più bella: pensate un po’ che miracolo di Gesù è questo. Grazie Signore Gesù per il dono della Comunità. Ti vogliamo affidare tutte le famiglie che non vivono nella gioia. Grazie.

                                         

Print this pagePrint this page