ItalianoHrvatskiEnglishFrançaisDeutchEspañolPortuguesePo PolskuSlovakia     

 

Storia

Fraternità "Nostra Signora Regina dei Martiri" - Kendal, 2005
“L’arrivo del Cenacolo è una grande benedizione per la Diocesi di Lancaster. Abbiamo pregato molto, chiedendo la guida dello Spirito Santo su questo progetto di Dio. Ci sono gruppi di preghiera ovunque, nel paese, per sostenere l’opera del Cenacolo e speriamo che altre case, presto, saranno ancora aperte in Inghilterra. La vostra Comunità è necessaria per la ricostruzione di tutte quelle vite che sono state in qualche modo ferite. Prometto di visitare regolarmente la nuova fraternità a Kendal e benedico quest’opera, i suoi membri, aiutanti ed amici. Come sempre, in Cristo.”
Dopo tanti anni di preghiera e di impegno concreto da parte di numerosi amici e ragazzi, con la S. Messa celebrata da Mons. Patrick O’Donoghue, Vescovo di Lancaster, anche l’Inghilterra ha finalmente la sua fraternità, sotto la protezione di Maria, qui invocata come “Our Lady Queen of Martyrs”.



Il desiderio di aprire la Comunità Cenacolo nel Regno Unito è iniziato nel 1997. A quel tempo c’era solo un inglese in Comunità, Paul James. Poi sono iniziati i primi colloqui a Liverpool grazie ai quali è entrata la prima ragazza inglese: Nicky, che ancora oggi vive nella fraternità di Cherasco.
L’iniziativa poi ha coinvolto anche Vescovi e altri membri della Chiesa, sino ad arrivare a fondare tutti insieme l’associazione “Amici del Cenacolo”.
Il Vescovo Patrick O’Donoghve ed io, Bryan, trovammo una casa vecchia di oltre trecento anni con all’interno una cappella. Così nel maggio 2003 padre Stefano venne a visitarla, e con tanta commozione e gioia per noi, ci diede l’ok per aprire la casa di Dodding Green, vicino a Kendal nel sud di Lakeland. Da quel momento in poi è iniziata la nostra “via crucis”, perché la gente del posto si è opposta fino all’ultimo per fare in modo che la Comunità Cenacolo non si aprisse.
Ci sono volute tante corse in tribunale, due pellegrinaggi a Medugorje in cui qualche abitante di Kendal ha potuto conoscere la realtà di quelle due fraternità e respirare tutta la pace, la gioia e la speranza che si vivono in essa e rendersi conto che questa è davvero un’opera di Dio. Ma soprattutto ci ha “costretto” a perseverare con fede nella preghiera davanti all’Eucaristia, facendo di noi un gruppo di amici sinceri, uniti dalla volontà di pregare tutte le settimane per quest’intenzione senza mai perdere la speranza!
Finalmente la fede, la speranza e la Madonna hanno vinto questa battaglia durata tanti anni e l’11 marzo 2005 padre Stefano e nove ragazzi sono venuti ad aprire questa nuova fraternità, chiamata “Nostra Signora Regina dei Martiri”.
Un grazie speciale va ai sacerdoti che si sono impegnati in prima persona affinché questo progetto di Dio si realizzasse e a tutti gli amici che amano questa realtà e che si sono battuti affinché l’amore e il bene vincessero.
Il giorno dell’inaugurazione si è sentita con chiarezza la benedizione di Nostro Signore e della Vergine Maria, in questa terra bagnata dal sangue e dal coraggio di tanti Martiri cristiani a cui dobbiamo la grazia della perseveranza ricevuta nel momento della prova.

(dalla rivista Risurrezione - Giugno 2005)

Print this pagePrint this page