ItalianoHrvatskiEnglishFrançaisDeutchEspañolPortuguesePo PolskuSlovakia     

 

Storia

Fraternità "Vergine della Divina Provvidenza" - Lourdes 1999, Francia

La storia della Comunità Cenacolo in Francia è nata ad Adé, vicino a Lourdes, dove la Madonna ha voluto una nostra casa già nel 1993, che all’epoca accoglieva circa una ventina di giovani, e che oggi è la prima fraternità femminile in Francia. Ma fin dal nostro arrivo ad Adè, un amico ci aveva portato a vedere una grande proprietà con una casa, sulla collina di fronte alla grotta, convinto che quella casa fosse adatta a noi. Ogni volta che suor Elvira ritornava a Lourdes, l’amico tornava a ribadire questa sua convinzione. Ma il luogo ci pareva troppo grande e bello per pensare a una casa del genere per la Comunità. Quando ormai la questione sembrava accantonata definitivamente, anche per l’apertura di tante altre fraternità, i ragazzi, divenuti numerosi nella fraternità di Adè ormai ultimata, incontrando l’amico che li aveva portati a vedere la “solita” proprietà, hanno riacceso il “fuoco”, cominciando ogni giorno ad andare alla grotta, per un lungo periodo, anche la notte, e facendo pregare molta gente. I ragazzi hanno quindi ribussato alla Casa Madre di Saluzzo... e la risposta è stata “Se la Madonna la vuole, se la comprerà!” ...e il miracolo è avvenuto! Nel giro di quattro giorni, la Madonna ci ha confermato attraverso la Provvidenza che proprio la voleva, mandando la cifra esatta che era stata richiesta per la casa. E’ stato, per tutta la Comunità, un segno grande dell’amore della Madonna di Lourdes per noi, e di incoraggiamento per la nostra opera. Abbiamo chiamato questa fraternità “Vergine della Divina Provvidenza”, proprio perché è stata un segno forte e concreto dell’amore, della misericordia e della carità di Dio per noi.
In dodici ragazzi siamo partiti nel 1999 per aprire questa casa, che era abbondonata da circa dieci anni. Abbiamo cominciato a fare pulizia tra i rovi e a sgomberare le macerie, sparse un po’ ovunque. Nel tempo più breve possibile si è resa abitabile una parte della casa, naturalmente subito con una piccola cappella per nutrire, oltre che il corpo, soprattutto l’anima. La preghiera è indispensabile per scegliere il bene e per affrontare le prime difficoltà dell’apertura, per fare amicizia nella verità, per costruire le basi solide a cui si appoggeranno tanti altri giovani dopo di noi. Vivere insieme nella pace sarebbe veramente impossibile senza la preghiera!
I lavori sul resto della proprietà sono iniziati e continuano tuttora, grazie alla presenza di Maria, che in questi cinque anni ha toccato il cuore di molte persone che ci hanno aiutato tanto, e che a loro volta hanno ricevuto larghe benedizioni da Dio. Un’altra grandissima Provvidenza è stato l’incontro con un carissimo amico, impresario di costruzioni. La Madonna non solo ha pensato all’acquisto della casa, ma anche alla sua ristrutturazione. Per un debito di gratitudine nei confronti della Madonna, questo amico ha deciso di aiutarci nella ristrutturazione di tutti i locali esistenti nella proprietà! Incredibile ma vero!
E così siamo riusciti a trasformare una stalla per maiali in una grande sala di accoglienza per i pellegrini; un grande pollaio in tre piccoli e caldi appartamenti, e una stalla per le mucche in una grande e luminosa cappella.
Accogliere i ragazzi francesi è stato difficile, soprattutto all’inizio. Convincerli a rimanere era quasi impossibile; fuori avevano tutto dallo Stato: soldi, casa... e potevano drogarsi senza problemi, mentre noi gli proponevamo l’assenza totale di qualsiasi sostanza, e una vita certamente non comoda e semplice. E’ stata davvero una dura lotta, che solo con la forza della fede e dell’amore siamo riusciti a vincere.
Oggi nella fraternità “Vergine della Divina Provvidenza” siamo circa cinquanta ragazzi di quindici nazionalità differenti, con una ventina di francesi presenti e con molti in attesa di entrare!
Negli ultimi anni anche i rapporti con il Vescovo locale, S.E.  Mons. Jacques Perrier, e con i sacerdoti che gestiscono il “Santuario della Madonna di Lourdes”, sono molto migliorati. La Comunità è stata riconosciuta e accettata dalla città di Lourdes molto bene. Uno dei primi frutti dell’amicizia e della fiducia che ci circonda, è la possibilità che ci hanno dato di animare un’ora di adorazione al “Santuario”, ogni primo sabato del mese. Questo è un grande dono per cui sentiamo di ringraziare davvero con tutto il cuore la Madonna, che con la sua presenza discreta ma fedele non ci abbandona mai!
Lourdes è, oltre che la “capitale francese” della preghiera, un posto dove la fede si tocca e si vede, attraverso la presenza di Maria che agisce nei cuori dei pellegrini in modo indelebile. Il vedere tanti malati con una croce pesante, che grazie a Lei ritrovano la serenità di portarla nella pace, aiuta tanto noi giovani ad apprezzare e amare quel dono prezioso della vita, che per tanto tempo abbiamo rifiutato e calpestato.
I molti pellegrini che passano oggi nelle nostre tre fraternità, vengono accolti e guidati alla visita della casa, ristorati, ma il più grande servizio che offriamo sono le “testimonianze” della nostra vita passata che, attraverso la preghiera e la guida forte e sicura della Comunità, oggi è rinata alla luce di Dio. Con le testimonianze riusciamo a guarire e a liberarci dalle nostre ferite e da tutte le nostre paure e questa è una grazia di Dio per noi. Raccontandoci in modo libero e vero, siamo strumento nelle mani di Maria per ridare speranza, coraggio e fiducia, a chi sta sotto la croce di situazioni familiari difficili e pesanti.
La storia di Lourdes continua, ed è bello vedere che la Madonna ci ha voluti qui per qualcosa di grande, che sta operando in tutti quei ragazzi e ragazze che hanno il dono di trascorrere, in questo luogo benedetto, un tratto del loro cammino.

                                                                                  (dalla rivista Risurrezione - Marzo 2005 )

Print this pagePrint this page