ItalianoHrvatskiEnglishFrançaisDeutchEspañolPortuguesePo PolskuSlovakia     

 

S.E.R. Card. Comastri

Omelia di Sua Eminenza Reverendissima il Cardinal Angelo Comastri durante la Messa vespertina di venerdì 16 ottobre nella Basilica di San Pietro
Carissimi, le parole del Vangelo che abbiamo appena ascoltato sono sorprendenti e meritano un approfondimento, Gesù dice: “Ti benedico o Padre perché hai tenuto nascoste queste cose - cioè il Vangelo -, lo hai tenuto nascosto hai sapienti, agli intelligenti, ai presuntuosi, a coloro che sono pieni di sé e non hanno spazio per accogliere la novità di Dio. Ti benedico o Padre perché costoro non capiscono il Vangelo, mentre lo capiscono gli umili i piccoli, coloro che non hanno il cuore gonfio di orgoglio, non hanno alzato il muro della presunzione e per tanto sono penetrabili dalla novità di Dio”. E qual’ è questa novità che Gesù è venuto a portare: la novità che gli umili, i piccoli capiscono. La grande novità è questa: la forza di Dio, l’onnipotenza di Dio non rassomiglia alla potenza del mondo; la forza di Dio è l’onnipotenza dell’amore, e Gesù è venuto in questo mondo cattivo, violento, sbandato, in questo mondo egoista, per mettere dentro la storia l’unica terapia possibile, la terapia dell’amore. L’evangelista Giovanni scrive proprio all’inizio della passione: “Gesù, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino al compimento”, e quando Gesù muore sulla croce pronuncia queste parole: “Tutto è compiuto.” Che cosa? È compiuta la rivelazione di Dio, la manifestazione di Dio, la grande operazione di Dio che ha collocato un atto di amore infinito dentro la storia degli uomini: chi incontra quell’amore è salvo, chi si apre a quell’amore è redento, chi spalanca il cuore a quell’amore diventa una creatura nuova. L’Apostolo Pietro, paradossalmente, all’inizio  resistette a questa notizia; quando Gesù per la prima volta annunciò la passione, Pietro intervenne in maniera piuttosto brusca - racconta l’evangelista Matteo - prese Gesù e lo tirò in disparte e gli disse: “Signore, questo non ti accadrà mai!”. Pietro pensava che la passione fosse una sconfitta perché non aveva capito che la forza di Dio, la forza vincente di Dio è la forza dell’amore, è la forza della bontà, della carità, del perdono. Nell’ora della passione - lo raccontano tutti i vangeli concordemente - Pietro ebbe un momento di sbandamento, ebbe un momento di crisi interiore, di confusione interiore, e mentre Gesù veniva processato Pietro non lo riconosce più come il Figlio di Dio e arrivò a dire: “Io non so chi sia, io non lo conosco, non appartengo al suo gruppo”, prese le distanze; precipitò nel rinnegamento. Racconta l’evangelista Luca che in quel momento Gesù lo guardò, lo guardò intensamente e con lo sguardo gli disse: “Vedi Pietro, vedi dove sei caduto, sei in un precipizio terribile, ma proprio perché io sono il Dio dell’amore, in fondo al precipizio ci sono anch’io e sono accanto a te e se vuoi puoi  ricominciare, perché l’amore è sempre pronto a ricominciare”. Pietro ebbe l’umiltà di dire: “Signore io mi getto nella tua misericordia, mi lascio abbracciare dalla tua misericordia, io ti chiedo perdono”. Quel perdono invocato e ricevuto fu l’inizio di Pietro apostolo e di Pietro pronto anche al martirio, che ha consumato qui sul colle vaticano. Questo colle è diventato così una calamita che attira il mondo e oggi ha attirato anche voi, perché qui Pietro ha detto a Gesù con il linguaggio forte del sangue: “Signore tu sai tutto, tu sai che io ti amo”. In qualche modo la storia di Pietro è anche la vostra storia: anche voi avete scoperto l’amore, l’avete scoperto nella Comunità Cenacolo, anche voi avete sentito l’amore come terapia, come medicina, come cura che rinnova, cura che dona una visione nuova della vita, una visione bella, giusta, la visione della vita libera dall’egoismo. Pensate ancora a quante volte nella storia della Chiesa si è ripetuto questo miracolo. Nell’autunno del 1206 un giovane di Assisi, Francesco figlio di Pietro di Bernardone, era un giovane vanerello, un giovane borghesuccio, come tanti giovani di oggi; figlio di un mercante arricchito e in qualche modo anche inorgoglito, ma Francesco era scontento di sé. Aveva cercato di realizzarsi nel denaro, nella guerra, nel successo, nella ricerca della fama, ma era scontento. Nella chiesetta di San Damiano Gesù si manifestò a Francesco e gli disse: “Francesco, Francesco ripara la mia casa che come vedi va tutta in rovina”. Francesco capisce che la forza di Dio è la forza dell’amore, e resta ferito da quell’amore, resta impressionato da quell’amore e sente dentro di sé il desiderio di rispondere all’amore di Dio: nasce il Francesco cristiano, nasce il Francesco santo. Teresa di Calcutta, in tempi più vicini a noi, in mezzo alla povertà dell’India ha sentito un giorno la voce di Gesù: “Teresa mi ami? Teresa ho bisogno del tuo amore. Teresa ho sete del tuo amore”. E sapete che suor Teresa di Calcutta inizialmente resistette a questa voce, pensò che non fosse possibile per lei così piccola rispondere a questo amore, ma alla fine si è consegnata all’amore di Dio ed è nata l’opera bella delle Missionarie della Carità che tutti conosciamo, una lampada accesa nel buio dell’indifferenza, dell’egoismo triste della nostra epoca. Anche Madre Elvira, nel suo piccolo, ha sentito la stessa esperienza e l’ha condivisa con voi e vi ha contagiato, perché un raggio di luce ha raggiunto lei e questo raggio di luce si è rifratto ed è arrivato a ciascuno di voi, e siete tutti coinvolti in questa meravigliosa storia di amore che ha fatto di una piccola parte di umanità un Cenacolo, cioè una casa di misericordia, una casa dove ci si lava i piedi, una casa dove si vive il comandamento dell’amore, una casa dove si celebra l’Eucarestia e si incontra quotidianamente l’amore di Dio; e Maria vi ha aperto la porta del Cenacolo, Maria vi ha introdotti nel Cenacolo, Maria vi ha sussurrato il Vangelo, è stata la memoria del Vangelo per ciascuno di voi.
Io vi auguro che la tappa di oggi non sia un punto di arrivo ma un punto di partenza, sia per tutti voi una benedizione che come un seme dovete continuare a gettare perché porti ancora tanto frutto e dia a tanti e tanti giovani la terapia di Dio, la terapia della misericordia, la terapia della carità.
Sia lodato Gesù Cristo

Print this pagePrint this page