ItalianoHrvatskiEnglishFrançaisDeutchEspañolPortuguesePo PolskuSlovakia     

 

Storia

Fraternità "Nuestra Señora de Luján" - Pilar (Buenos Aires) 2005, Argentina
È giunta l’ora dell’Argentina. Prima della casa di mattoni, in questi anni di attesa, Dio ha fatto nascere la Comunità, costituita da persone vive, che hanno creduto in questo progetto, si sono incontrate, hanno pregato, sensibilizzato, atteso, cercato e bussato. Questo è stato per noi il “segno” che Dio ci voleva qui. Ora la porta si è aperta: “Bienvenidos Cenaculo en la tierra de Argentina!”

Un’accoglienza straordinaria
L’arrivo in Argentina è stato un continuo susseguirsi di sorprese: prima lo sciopero aereo che ci ha fatti giungere a Buenos Aires in giorni diversi, ma che non ha demoralizzato i fedelissimi amici, pronti ad ogni atterraggio ad attenderci all’aeroporto con tanto di cartellone di benvenuto; poi l’arrivo alla piccola casa nella periferia di Pilar, a cinquanta chilometri dalla capitale. Quindi la scoperta del “nostro” terreno immerso in una natura stupenda, i primi giorni di lavoro intensissimo per pulire, riordinare, preparare il tutto per l’inaugurazione, soprattutto la cappellina. Sono arrivati anche cinque ragazzi brasiliani dalla casa di Jaù, che ci hanno raggiunto con trenta ore di viaggio in bus, per gioire della nascita di questa “sorella” latinoamericana.
La “llegada” di Madre Elvira e di suor Mely ha completato la famiglia e ha dato il via ai vari momenti con gli amici della Comunità e alle testimonianze, in una chiesa del centro di Buenos Aires, gremita di gente. L’accoglienza di questa terra è stata calorosissima: ci siamo sentiti attesi e abbracciati da un mare di gente, che pur non conoscendoci già ci amava.
Anche la Chiesa, nella persona del Cardinale di Buenos Aires, S.E.R. Mons. Bergoglio, ci ha donato la sua benedizione durante un incontro ricco di semplicità, gioia e profondità.
Tutti insieme, ragazzi e amici, siamo poi andati pellegrini ai piedi della Virgen de Lujan, nel Santuario nazionale argentino, che dista pochi chilometri da noi. Abbiamo consacrato l’inizio di questa nuova vita “cenacolina” alla nostra Madre Maria. La fraternità argentina ha preso il suo nome: si chiamerà “Nuestra Señora de Luján”
È giunto poi il giorno dell’inaugurazione: 8 dicembre, festa della Madonna. È arrivato un mare di gente: il Vescovo ha celebrato la Messa all’aperto e lasciato Gesù Eucaristia nella cappellina dove avevamo lavorato fino al mattino presto; Madre Elvira ha colpito tutti con la sua libertà gioiosa di annunciare il vangelo, tutti sono stati felicissimi.
Se dai primi passi si coglie come sarà il cammino, credo che di strada in Argentina ne faremo tanta...

(dalla rivista "Resurrezione", Gennaio 2006)

Print this pagePrint this page